logo_giovane
div_top_B

A

Stampa

Apicoltura

Scritto da mario rossi. Postato in A

 

Definizione

La conduzione zootecnica delle api viene definita apicoltura e consiste nell’allevamento di api allo scopo di utilizzare e sfruttare i prodotti dell’alveare. L’attività dell'apicoltore consiste sostanzialmente nel procurare alle api ricovero e cure, e vegliare sul loro sviluppo; in cambio egli raccoglie una quota discreta del loro prodotto, consistente in: miele, polline, cera d'api, pappa reale, propoli, veleno.

Il diritto vigente distingue le due seguenti figure:

è "apicoltore", chiunque detiene alveari;

è "produttore apistico" l'apicoltore che esercita l'attività apistica ai fini economici e ricava almeno il 30% del reddito direttamente dall'allevamento delle api.

 

Adempimenti per l’attività di apicoltura

Pur non essendo strettamente collegato ad un fondo agricolo come altri tipi di allevamento (animali da carne,da latte,da lavoro e da lana) l’apicoltura rientra fra le attività agricole e pertanto il produttore apistico è soggetto a tre tipi di adempimenti:

 

1) adempimenti di carattere generale comuni a tutti gli imprenditori agricoli

- Autorizzazione rilasciata dal Comune per la vendita di prodotti agricoli

- Domanda di iscrizione nel Registro delle Imprese con denuncia di inizio attività al Repertorio Economico Amministrativo (REA)

- Domanda di attribuzione del numero di partita iva

- Apertura di una posizione contributiva e previdenziale presso l'Inps

- Iscrizione all'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro presso l'Inail

 

2) adempimenti rivolti a tutti gli apicoltori:

- Denuncia degli alveari

- Rispetto delle distanze minime nella collocazione degli apiari

- Rispetto della normativa sanitaria

- Rispetto del codice civile

 

3) adempimenti specifici per i produttori apistici :

- Autorizzazione e idoneità igienico sanitaria per i locali di smielatura

- Osservanza della disciplina regionale nella pratica di nomadismo

- Rispetto delle norme riguardanti le caratteristiche del miele,l’etichettatura e la vendita di prodotti derivanti da apicoltura

 

Riferimenti Normativi nazionali

- R.D.L. 23 ottobre 1925, n. 2079 - Provvedimenti per la difesa dell'apicoltura

 

- R.D. 17 marzo 1927, n. 614 - Regolamento per l'esecuzione del R.D. L. 23 ottobre 1925, n. 2079, contenente provvedimenti per la difesa dell'apicoltura

 

- D.Lgs. 13 dicembre 1996, n. 674 - Attuazione della direttiva 92/118/CEE concernente condizioni sanitarie per gli scambi e le importazioni dei patogeni e dei prodotti non soggetti a normative comunitarie specifiche. Allegato I - Capitolo 12

 

- Direttiva UE 20 dicembre 2001, n. 2001/110 concernente il miele.

 

- D.Lgs. 21 maggio 2004, n. 179 - Attuazione della direttiva 2001/110/CE concernente la produzione e la commercializzazione del miele

 

- legge 24 dicembre 2004, n. 313 - Disciplina dell'apicoltura

 

- D.M. 10 gennaio 2007 - Approvazione del documento programmatico per il settore apistico (DAP), di cui all'articolo 5, comma 1 della legge 24 dicembre 2004, n. 313.

 

Riferimenti Normativi regionali

- BASILICATA: L.R. 3 maggio 1988, n. 15

- EMILIA ROMAGNA: L.R. 25 agosto 1988, n. 35 ; Regol.reg. 5 aprile 1995, n. 18

- FRIULI VENEZIA-GIULIA: LL.RR. 29 marzo 1988, n. 16 ; 16 dicembre 1991, n. 61 ; 17 luglio 1992, n. 20

- LIGURIA: L.R. 9 luglio 1984, n. 36

- LOMBARDIA: Regol.reg. 14 maggio 1985, n. 4

- MOLISE: L.R. 24 dicembre 2002, n. 42

- PUGLIA: L.R. 8 giugno 1985, n. 61

- SARDEGNA: L.R. 17 dicembre 1985, n. 30

- SICILIA: LL.RR. 27 settembre 1995, n. 65 ; 6 aprile 1996, n. 17

- PROV. AUTON. TRENTO: L.P. 18 aprile 1988, n. 16

- TOSCANA: Del.g.reg. 17 gennaio 1992, n. 169 ; L.R. 18 aprile 1995, n. 69

- UMBRIA: L.R. 26 novembre 2002, n. 24

- VALLE D'AOSTA: LL.RR. 24 agosto 1982, n. 56 ; L.R. 27 ottobre 1993, n. 78

- VENETO: L.R. 18 aprile 1994, n. 23

 

Prassi

· Circolare MIPAF n. 1 del 21 febbraio 2000

· Circolare MIPAF n. 8 del 16 luglio 2004

· LOMBARDIA: Circ.reg. 11 maggio 1993, n. 3608

· SICILIA: Circ. ass. 27 giugno 1997, n. 236

· VENETO: Circ.p.g.reg. 18 novembre 1997, n. 19

 

Codice attività Economica ATECO

01.49.30 – Apicoltura e produzione di miele e cera d'api

 

 

Allegati:

 

 

 

 

Bandi

Bandi
REGIONE PUGLIA PO FESR 2007 - 2013 PROGRAMMA PLURIENNALE DI ATTUAZIONE PERIODO 2007-2010 Asse VI - Competitività del sistemi produttivi e ...
Leggi altro
Bandi
Piano straordinario per l'occupazione ASSE II – Competitività MISURA II.1 Bando per l’accesso agli innovation voucher Legge Regionale 30 ...
Leggi altro
Bandi
Regione Abruzzo Programma di Sviluppo Rurale Regione Abruzzo 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 Obiettivi La Misura 1.1.2 del P.S.R. 2007/2013 Abruzzo, ...
Leggi altro
Bandi
Invito a presentare manifestazione di interesse all’iniziativa. Scadenza 28 febbraio 2011 L’Agenzia per la diffusione delle tecnologie per ...
Leggi altro
Bandi
  Giovani Al Lavoro Con Determinazione dirigenziale n.763/2010(Det.763_2010_Giovani_Al_Lavoro_III_Annualità), la Regione Molise ha aperto i ...
Leggi altro
Bandi
  Scadenza 31 Dicembre 2011 (valutazione bimestrale) Finalità La Misura mira a favorire il ricambio generazionale degli imprenditori ...
Leggi altro
Bandi
  Prevista la partecipazione gratuita dei giovani a Vinexpo 2011L'OIGA, con il contributo del Ministero delle politiche agricole alimentari e ...
Leggi altro
Bandi
  Obiettivi a) La misura “fare impresa”, coerentemente con gli Orientamenti comunitari e in continuità con le strategie regionali, mira a ...
Leggi altro
Bandi
REGIONE LAZIODirezione Formazione e Lavoro POR F.S.E.Competitività regionale e Occupazione 2007-2013 ASSE I – ADATTABILITA’REALIZZAZIONE DI ...
Leggi altro
Bandi
  FONDO DI ROTAZIONE PER L’IMPRENDITORIALITA’ (FRIM – D.G.R. 5190/2007) LINEA D’INTERVENTO N°8 “START UP D’IMPRESA DI GIOVANI (18-35 ...
Leggi altro